non so come


rivasai querida, davvero non sapevo come affrontare la cosa quando mi è stato detto “andiamo a trento”. so che il cuore si è fermato, che avrei voluto dire di no, non posso venire, non ce la faccio. e invece ieri mi sono ritrovata proprio li, tra i tuoi monti, in quella città che io non avevo mai visto, se non nei tuoi racconti. e si, quando sono passata davanti al palazzo della cooperazione trentina, mi è mancato il fiato. ma sai una cosa? aveva ragione la nostra barceloneta. quando le ho chiesto come fare, mi ha risposto che alla fine si, è li che sei nata, li che c’è la tua famiglia, ma tu non sei mai stata una “trentina”. tu sei sole, mare, paesi tropicali. sei bruxelles, sei un caffè a La Terrasse, sei un pomeriggio nel parco. e così sono riuscita a guardare la tua bellissima Trento e a sorriderti. perchè tanto alla fine non devo cercarti in nessuna città del mondo. non ne ho bisogno.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s