very confidential kitchen


Gli oscuri recessi delle retrovie di un ristorante, ma anche una lunga storia d’amore. Con queste premesse Anthony Bourdain, storico chef americano, apre le porte di un mondo a noi solitamente sconosciuto. Quello delle cucine. Della vita e delle abitudini di cuochi, sous-chef, salsieri, runners. E si, rivelandoci anche tutto ciò che non vorremmo mai sapere quando entriamo in un ristorante. Ma inserendo tra le righe alcuni preziosi consigli sui piatti da evitare, sui giorni in cui è meglio non mangiare pesce. Pur facendo parte dell’Olimpo dei cuochi moderni, Bourdain non ha paura di mettere a nudo un passato perso tra droghe, alcool e fallimenti vari, da cui imparare e rialzarsi. Il libro è diviso in capitoli che ci accompagnano lungo il pranzo della sua vita, dall“Antipasto” al “Caffè con una sigaretta”, in cui conosciamo la sua vita privata, ma soprattutto l’organizzazione meticolosa di una cucina. E capiamo quanto sia difficile far si che i piatti arrivino tutti caldi e nello stesso momento, che il pane sia cotto al punto giusto o che ci siano abbastanza pomodori o prezzemolo nella dispensa.

Proviamo anche simpatia per gli ex-galeotti tatuati e volgari che dividono la cucina con lui, storcendo il naso quando sentiamo le loro bruciature o i terribili tagli con affilati coltelli. Vediamo le cucine sporchissime alla fine del servizio, sentiamo il profumo delle pere glassate e della carne appena grigliata. Un pazzo. Bourdain è un pazzo che ci permette di appassionarci a un mondo che, volenti o nolenti, tutti tocchiamo con mano. Non dobbiamo per forza essere gastronomi per appassionarci al mondo della cucina e alla vita degli chef. Basta un minimo di curiosità. E di sensibilità.
«Io resterò qui finchè non mi trascinano via a forza dalla linea. Non me ne vado da nessuna parte. Spero. È stata un’avventura. Nel corso degli anni abbiamo subito qualche infortunio. Alcune cose si sono rotte. Altre sono andate perdute. Ma non me lo sarei perso per niente al mondo».

Da leggere? Senza dubbio.

One thought on “very confidential kitchen

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s